Studio Palmisano

Il diritto dell'ambiente, il diritto penale del lavoro, la responsabilità medico – sanitaria, il diritto penale dei giochi e delle scommesse, nonché, in chiave preventiva, la sicurezza sul lavoro e gli adempimenti gravanti sulle persone giuridiche ai sensi della legge 231\2001 (codice etico, modello di organizzazione, gestione e controllo....), sono materie accomunate fondamentalmente da un elemento: esse costituiscono un illuminante esempio dell'incidenza delle determinanti, in senso lato, ambientali sui livelli di qualità della vita delle persone, sulla loro stessa salute, nella società occidentale; quella che è stata definita da uno studioso tedesco "la società del rischio."

Esse, per qualità e quantità degli interessi e dei diritti che vi sono sottesi, costituiscono l'autentica frontiera del diritto penale del terzo millennio.

Lo Studio Palmisano si occupa prevalentemente di queste materie.
Sul livello qualitativo con cui questo Studio svolge questa attività, si lasciano valutare gli assistiti che hanno beneficiato delle nostre prestazioni professionali.

sicurezza lavoro

Sicurezza sul lavoro, bando ai giuslavoristi di Twitter: il diritto tutela ancora i lavoratori.

on . Postato in Blog

Tutelare un lavoratore dai rischi presenti sul posto di lavoro significa anzitutto informarlo e formarlo sulla natura, sulla collocazione, sulle conseguenze di quei rischi.
Chi è tenuto a farlo (il datore di lavoro in primis, naturalmente), se non adempie integralmente e correttamente questo fondamentale obbligo di formazione \ informazione, risponde penalmente dell'infortunio in cui incorra eventualmente il lavoratore, anche in presenza di un comportamento imprudente o negligente di quest'ultimo, che abbia, quindi, concorso a causare il sinistro.
Questo è il principio in materia di sicurezza sul lavoro che emerge da una recente sentenza della Corte di Cassazione in un procedimento per la morte di un lavoratore addetto alla conduzione di una macchina raccoglibietole, che, durante una pericolosissima e improvvida operazione di sostituzione di una delle ruote anteriori che stava effettuando, con il mezzo a motore accesso, aveva perso la vita.

medici

Sblocca Italia: di ambiente, salute e classi dirigenti.

on . Postato in Blog

"Il medico, nel considerare l'ambiente di vita e di lavoro e i livelli di istruzione e di equità sociale quali determinanti fondamentali della salute individuale e collettiva, collabora all'attuazione di idonee politiche educative, di prevenzione e di contrasto alle disuguaglianze alla salute e promuove l'adozione di stili di vita salubri, informando sui principali fattori di rischio. Il medico, sulla base delle conoscenze disponibili, si adopera per una pertinente comunicazione sull'esposizione e sulla vulnerabilità a fattori di rischio ambientale e favorisce un utilizzo appropriato delle risorse naturali, per un ecosistema equilibrato e vivibile anche dalle future generazioni."
Così afferma il codice di deontologia medica al suo articolo 5, titolato in maniera inequivoca "Promozione della salute, ambiente e salute globale".
Sono principi alti, nobili e socialmente vitali.
Se non fosse che faticano ancora non poco ad affermarsi nella pratica professionale, ma prim'ancora "nell'immaginario" di tanti medici, anche e soprattutto a causa di ritardi e lacune "di sistema" in tal senso.

ebbrezza

Guida in stato di ebbrezza: quando è possibile scontare la pena con i lavori di pubblica utilità?

on . Postato in Blog

Pur sussistendo la circostanza aggravante di aver causato un incidente stradale, la pena, detentiva e pecuniaria, irrogata in capo a chi ha commesso il reato di guidare in stato di ebbrezza può essere sostituita con lo svolgimento, da parte del condannato, di lavori di pubblica utilità presso un ente convenzionato con il tribunale territorialmente competente.
Lo ha stabilito, con una sentenza del 14 maggio scorso, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Perugia ponendosi in netto contrasto con la giurisprudenza maggioritaria, anche della Suprema Corte, vigente sul punto.
Occorre preliminarmente spiegare che cosa si intenda per sostituzione della pena con lo svolgimento di lavori di pubblica utilità e quando tale beneficio possa essere concesso al condannato.
L'istituito giuridico dei lavori di pubblica utilità, inteso come la prestazione di una attività lavorativa non retribuita a vantaggio della collettività da svolgere presso enti pubblici territoriali (Stato, regioni, province, comuni), organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato o centri specializzati di lotta alle dipendenze, trova un ambito privilegiato di applicazione nella materia dei reati previsti dal codice della strada.

eternit

Processo Eternit: l'amianto è indistruttibile, il diritto si può demolire?

on . Postato in Blog

"Amianto" viene dal greco e vuol dire incorruttibile, immacolato; proprietà che, evidentemente, continua ad essere tanto comune ai padroni di questo minerale ed alla loro fedina penale quanto aliena ai poveracci che lo utilizzavano o vi erano, comunque, esposti e al loro apparato respiratorio.
"Asbesto" è l'altro nome, scientifico, dell'amianto: significa indistruttibile; com'è, nel nostro ordinamento penale, l'idea che il mero decorrere del tempo da un reato debba servire, oltreché a sanare le ferite delle vittime e dei loro cari, ad annullare le colpe degli autori e a condonare loro ogni pena.
Non conosciamo le motivazioni della sentenza Eternit.
Sin d'ora, però, già sulla base degli elementi a nostra disposizione, è possibile, o, forse meglio, doveroso, provare a trarre qualche lezione dall'epilogo di questa vicenda giudiziaria.

Foto Vai

Photogallery

Visita la photogallery

Videogallery Vai

Videogallery

Visita la videogallery

Media Vai

Media

Visita la sezione media

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle nostre attività.

Servizi

  • Consulenza
  • Difesa giudiziale
  • Assistenza stragiudiziale
  • Docenze e divulgazione

Contattaci

Via Bissolati, 26
72015 Fasano (Br)

Mappa
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Google Plus